Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Ci stiamo mettendo in gioco soltanto per la nostra città, le sue periferie, le sue possibilità.
Vi stiamo chiedendo di voltare pagina e scegliere di scrivere UnaNuovaStoria.


Da anni mi impegno e studio per la nostra città e l'ho fatto  sempre in gruppo perchè da soli non si cambia nulla.
Affronto la politica come un dovere perchè la considero  l’arte della possibilità. In positivo e in negativo. 
E per me la politica è politica quando è servizio e guarda il territorio con lo sguardo a vent’anni, catturandone le possibilità di sviluppo sostenibile e di crescita economica, cercando di non lasciare nessuno indietro.
È creazione di pari opportunità e la considero pertanto indissociabile dai principi etici e morali né dal rispetto della legalità.

Ho vissuto una città che non ha mai neanche lontanamente tentato di utilizzare le sue ricchezze per creare lavoro e dare un futuro alle giovani generazioni e di salvaguardare ambiente e salute, sotto scacco delle spartizioni, delle clientele, degli interessi di singoli.

Eppure tante cose sarebbero state ovvie, scontate. Per qualsiasi persona dotata di buon senso e che avesse avuto a cuore l’interesse generale.

Ecco perché mi  candido a consigliere comunale nella lista Una Nuova Storia.
Giuseppe Proietti è un uomo libero e indipendente, di indubbia moralità, di una spiccata sensibilità alle tematiche sociali e le capacità e un vissuto professionale da fare invidia al mondo. (LINK)
E sarà quindi un Sindaco personamente disinteressato,  trasparente, solidale e capace di iniziare trasformare il nostro territorio in un laboratorio dello sviluppo sostenibile e dell’industria turistico-culturale
La nostra città, una guida del genere, l'ha sempre meritata e mai avuta: è un'occasione storica.

Partecipazione, trasparenza, lavoro, cultura, decoro, spazi urbani.
Questi i fili conduttori del programma che vi invito a leggere (LINK).

E' infatti sul programma e sul candidato che si sono unite le liste civiche e persone che vengono da esperienze differenti. Ed è per questo che altro non potranno se non rispettarne i contenuti e i principi con serietà e coerenza come si sta con coraggio, sfida e controtendenza dimostrando già durante la campagna elettorale.

E il consiglio comunale sarà rinnovato nella sua quasi completa totalità!

E se vedete pochi manifesti è perché noi ci autotassiamo. Tutti quanti.

Questa la visione della vita cittadina e della sua amministrazione della lista UnaNuovaStoria, la più giovanile della competizione elettorale, nata dall'incontro di realtà territoriali attive dalla cultura, allo sport, all'artigianato, all'arte, ai comitati di quartiere (LINK).

Questi invece alcuni dei progetti pratici a costo basso (o nullo)su molti dei quali, insieme a tanti altri ragazzi, mi sono già speso e  vorrei vedere realizzati in tempi brevi:

1) Ufficio Europa per agevolare la partecipazione ai bandi europei (rimandiamo ogni anno all’Europa, miliardi di euro per disinteresse e incompetenza)
2) Apertura dell'ingresso (chiuso da anni) di Villa d'Este nel centro storico
3)Apertura della Rocca Pia (chiusa da anni)
4)Red line: una linea rossa che colleghi le attrazioni e i siti tiburtini di interesse turistico
5)Bacheca delle associazioni: installazione di bacheche su tutto il territorio in zone pedonali in cui le associazioni possano inserire le locandine dei loro eventi e creare il circuito informativo-culturale della città (già proposto all'ex amministrazione)
6) Cinema all'aperto estivo (alla cui realizzazione collaboro già da tre anni)
7) Installazione di due canestri a Villa Braschi ( 2500 firme raccolte)
8) Creazione della linea bus Tivoli- Anagnina (università, policlinico, stazione della metro)
9) Riprogettazione della viabilità alla "rotatoria di via Empolitana" (non è una rotatoria e non può essere usata come tale!)
10) Creazione di orti urbani, affidandone la gestione alle scuole e ai comitati di quartiere.
11) Collaborazione con le scuole a valanga: i bambini di oggi sono gli uomini di domani.
12) Installazione delle casette dell'acqua: l'acqua depurata e decalcificata, volendo anche frizzante, a un costo non superiore ai 6 cent al litro.
13) Ampliamento dell'orario di apertura della biblioteca comunale (1000 firme raccolte)
14) Palestre all'aperto nei parchi realizzate con strumenti in materiale riciclato
15) Creazione della consulta dei comitati di quartiere
16) Creazione di un Consiglio degli Studenti

"Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose".
Abbiamo cambiato le regole del gioco.
Ora non resta che cambiare la città.